Kitesurf in Greece: Mikri Vigla, Parthena Bay – Naxos

Kite Trip

Ciao Kiters!

Kite-Trip in Grecia, isola di Naxos, Mikri Vigla. Da poco rientrato da questo fantastico viaggio e, come spesso accade, già ne sento la mancanza…soprattutto del Meltemi, che ha soffiato continuamente tutti i giorni senza farsi mai attendere. Lo spot è veramente bello, grande spiaggia che, sottovento, si chiude con una piccola scogliera, di fronte un’isolotto con una piccola chiesetta, l’isola di Paros sullo sfondo, mare cristallino e tanto tanto tanto vento!!! La direzione principale del Meltemi rispetto allo spot è principalmente side-on mura a dritta, in particolare più “on” e rafficato al mattino, più “side” e regolare (anche più forte) al pomeriggio, mentre, per quel che riguarda il mare, la condizione prevalente è il chop, + o – formato in base all’intensità del vento. La spiaggia, frequentata quasi esclusivamente da Kiters e Windsurfers (che convivono senza alcun tipo di problema), ha ben due centri con relative scuole affiliate IKO: il Flisvos Kitecentre, ed il Thalasea, che è sia centro Kite che Windsurf. L’atmosfera che si respira è fantastica, infatti, oltre alle spettacolari condizioni, c’è sempre qualcuno pronto ad aiutarti sia in caso di difficoltà, sia semplicemente per alzare ed abbassare l’ala e tutti rispettano le poche e semplici regole  al fine di garantire divertimento puro, in sicurezza, ad ogni rider … kiter, windsurfer, uomo, donna, bambino che sia!!! Andiamo al sodo. Ecco le mie uscite durante il kite-trip a Mikri Vigla:

  • Sabato 14 – pom. 9m
  • Domenica 15 – matt. 12m, pom. 9m
  • Lunedì 16 – matt./pom. 12m
  • Martedì 17 – matt. 9m, pom. troppo forte
  • Mercoledì 18 – matt./pom. 9m
  • Giovedì 19 – riposo (troppo forte per la 9m)
  • Venerdì 20 – matt./pom. 9m
  • Sabato 21 – matt. 9m

dal martedì in poi, ma soprattutto dal 18 al 20, il Meltemi ha soffiato con un’ intensità impressionante, l’anemometro (windmasterII) dalla spiaggia indicava 29 nodi fissi, in acqua vi lascio immaginare … tanto è vero che la 9m era davvero al limite, in compenso … mega saltoni :). Per ciò che riguarda l’attrezzatura credo che avere un quiver completo 12-9-7 sia l’ideale, soprattutto per chi (come me), piace navigare con il Kite “bello pieno”, in alternativa accoppiate 12/8 – 11/8 – 10,5-7  in base al peso e/o gusto vanno più che bene, sconsiglio di portare un surfino a meno che non si è ai primi approcci, anche strapless, in questi casi lo spot diventa un’ottima palestra per imparare.

News by Cabrinha: 2013 collection

Kite Use (or not)

In esclusiva per voi le foto della collezione Cabrinha 2013: Switchblade, Vector, Crossbow, Drifter e l’ultimo nato Chaos, un C-shape Kite. In più la nuova barra IDS e le nuove tavole.

Exclusively for you photos of the collection Cabrinha 2013: Switchblade, Vector, Crossbow, Drifter and the latest Chaos, a C-shape kite. In addition, the new IDS bar and the new boards.

This slideshow requires JavaScript.

News by North: Vegas 2013

Kite Use (or not)

L’estate è ormai arrivata e con essa, come ogni anno,  arrivano le prime novità per la stagione 2013. Ecco il nuovo Vegas 2013, il c-kite per eccellenza, by North Kiteboarding…a voi i commenti!!!

The summer is over and with it, as every year, come the first news for the 2013 season. Here is the new Vegas 2013, the excellent c-kite, by North Kiteboarding … you comment!!!

 

 

 

 

 

Saltwater Buddha – riflessioni sulla vita di un surfista

Kite Style

SUL SURF E LO ZEN – riflessioni sulla vita di un surfista buddista, JAIMAL YOGIS

Saltwater Buddha – tradotto letteralemente Buddha d’acqua salata – il titolo originale.
Volutamente il titolo dell’aticolo è un mix, la traduttrice Antonella Rega si è trovata sin da subito di frontre un ostacolo di traduzione  (oltre al linguaggio tecnico nel resto del testo come lei stessa ammette) in ogni caso ci complimentiamo con lei per il lavoro svolto e con Guido Rosei Direttore SEGATOO e come premessa vorrei ricordare che il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto in beneficenza.

Stufo della sua vita di periferia un adolescente Jaimal Yogis scappa di casa, con i primi rudimenti di una preparazione spirituale buddista e con il sogno di confrontarsi con l’oceano.

Questo libro cattura il lettore con la sua sincerità e con una serie di racconti comici, travolgenti e ispirati che
non potranno che appassionare. Un nuovo modo di narrare il passaggio alla vita adulta e la sua crescita spirituale di un adolescente irrequieto. Sempre con autoironia e sentimento.
—-
Dopo il successo del libro, il film:

Questa volta gli amici di Seagatoo si occuperanno del doppiaggio del film?
—-

Jaimal Yogis, nato nel 1979, è un giornalista, fotografo e surfista, vive a San Francisco e scrive regolarmente per il San Francisco Magazine.

Qui trovate il libro.

Lettura consigliata dai TPK*****